stemma Banda Cittadina di Cogollo del Cengio   Banda Cittadina
di Cogollo del Cengio

Storia

Le prime note della Banda Cittadina di Cogollo del Cengio si udirono con la nascita dello Stato Italiano.

Documenti storici attestano che nell'anno 1871, in occasione dell'arrivo in paese del Deputato Broglio, vi suonò un gruppo chiamato "Filarmonici", la cui esistenza viene confermata anche l'anno seguente per una nuova visita del deputato reale.

Le successive documentazioni, assai cospicue, compaiono dal 1896 (si veda la fotografia effettuata presso la birreria di Piovene Rocchette). Diretto in quel periodo dal Maestro Francesco Bordin e sotto la presidenza dell'allora sindaco della comunità cogollese Zordan Francesco (*), il gruppo con il nome di "Società Filarmonica" partecipò attivamente alla vita civile, popolare e religiosa del paese.

Purtroppo lo scoppio della Prima Guerra Mondiale e il conseguente abbandono del paese da parte della cittadinanza a seguito della vicinanza della prima linea del fronte militare, causarono la momentanea sospensione dell'attività musicale che tuttavia riprese, con il vigore e la passione di prima, già all'alba della pace suggellata.

Sotto la continua guida dei componenti della famiglia Zordan, che già nel periodo precedente si erano succeduti alla direzione e alla presidenza, il gruppo ora nella veste di Banda di Cogollo, ora di Banda Dopolavoro e infine di Fanfara Alpina raggiunse negli anni '20 e '30 un organico di oltre 50 elementi.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, in breve tempo si innestò ai vecchi musicanti un nutrito gruppo di giovani che permise al complesso di affinare le proprie capacità esecutive. Si alternarono negli anni alla direzione musicale della nuova Banda Cittadina i Maestri Zuccollo Pietro, Zordan Aquilino e Berti Giacomo.

Nel 1973, alla morte del M° Zuccollo successe il M° Calgaro Dario.

Seguì alla fine di quel periodo un momento difficile che tuttavia, anche per merito del presidente Marioni Luigi, non impedì alla Banda di proseguire nel suo impegno associativo.

Nel 1980 assunse la direzione del complesso il M° Mario Chiarello.

L'istituzione di corsi di Orientamento Musicale convenzionati Anbima unita ad un nuovo entusiasmo associativo, dovuto anche all'impegno encomiabile dei dirigenti e dei rappresentanti eletti in seno alla Presidenza, hanno permesso al complesso di consolidare un organico di 40 e più componenti e di intensificare la vita del sodalizio.

Il miglioramento della tecnica musicale, il costante rinnovo del repertorio e l'originalità dei brani eseguiti hanno dato la possibilità al gruppo di esibirsi in molti concerti, diversi dei quali in collaborazione col coro "Giovani Voci" di Cogollo del Cengio. Nel 2001 hanno avuto un grande successo di pubblico e di critica le due edizioni del concerto di musiche verdiane "Viva Verdi". In precedenza sono stati accolti con altrettanto entusiasmo i concerti tratti dalle colonne sonore dei film "The Mission" (vedi foto) e "Fratello Sole Sorella Luna" oltre al recital "Jesus Christ Superstar" tratto dall'omonimo musical.

Da ottobre 2006 ha assunto la direzione del complesso il M° Daniele Calgaro.

Nel mese di giugno del 2007 ha organizzato il "1° Raduno Bandistico a Cogollo del Cengio", al quale hanno partecipato il Corpo Bandistico di Malcesine (VR) e la Banda Musicale Folkloristica di Vigo di Fassa (TN) - un evento che ha riscosso un notevole successo e ha consentito all'associazione di confrontarsi con altre realtà musicali. L'anno successivo è stato quindi riproposta l'idea del raduno bandistico, in questa occasione assieme agli amici del Complesso Bandistico Arcobaleno di Trieste (TS) e del Corpo Bandistico di Centrale (VI).

A novembre 2010 si è insediato un nuovo direttivo, con il proposito di dare nuova linfa alle attività della banda cittadina; fra le varie iniziative la proposta di dare maggiore visione al raduno bandistico, giunto alle 3a edizione, denominandolo "Sbandando 2011 - 3° raduno bandistico interregionale", al quale hanno partecipato la Filarmonica Città del Tricolore di Reggio Emilia (RE), e la Banda Civica Città di Grado (GO). Oltre a questo una maggiore attenzione al dettaglio ed ai particolari, nonché alla presentazione in pubblico, curando sia l'aspetto concertistico sia l'aspetto in parata.


(*) Figlio dell'illustre Giovanni Battista Zordan, fondatore di una importante bottega organaria che nel corso di 150 anni di attività ha costruito e riparato circa 400 strumenti.





Copyright © 2001-2016 Banda Cittadina di Cogollo del Cengio. Tutti i diritti riservati